Come preparare l'acqua di San Giovanni

Come preparare l’acqua di San Giovanni

Per preparare l’acqua di San Giovanni si raccoglie una misticanza di erbe e fiori spontanei. Nella scelta dei fiori e delle erbe non esiste una vera e propria regola. Ci si lascia ispirare dal proprio istinto scegliendo tra le specie che si hanno a disposizione.
Nei prati si trovano i fiori di iperico, lavanda, artemisia, malva e fiori e foglie di menta, rosmarino e salvia. Si possono trovare e raccogliere anche i fiordalisi, i papaveri, le rose o la camomilla, il gelsomino in base alle fioriture presenti nel proprio territorio e nel giardino di casa.
Rispettate la natura durante la raccolta delle erbe, non raccogliete quantità eccessive di esemplari e non estirpate le piante alla radice.
Dopo il tramonto, mettete fiori e foglie in acqua di fonte e lasciatele all’esterno per tutta la notte, così che possano assorbire la rugiada del mattino.
La mattina del 24 giugno, lavatevi con l’acqua profumata. Un rituale semplice, delicato.

You may also like