Yin Yoga, alleato per una vita sana

Nella frenetica quotidianità rischiamo di rendere stressante anche la pratica di Yoga. Spesso vengono praticati stili molto forti a livello fisico e poco adatti alla maggioranza delle persone. Si viene affascinati da pose complesse che sono al limite con il fitness e che poco o nulla hanno a che vedere con il messaggio insito nella pratica dello Yoga che è quello di prendersi cura amorevolmente del proprio essere ristabilendo una connessione tra corpo e mente e prepararsi alla Meditazione.

Lo Yin Yoga, di cui sentiamo molto parlare ultimamente, è la forma classica dell’Hatha Yoga che implica una tenuta lunga delle pose senza dolore e nell’immobilità con il controllo del respiro e della mente. A questo Yoga “lento” si sono sviluppate forme più dinamiche come l’Asthanga o alcuni Vinyasa che chiameremo Yang. Questi due termini, di origine cinese, intendono rimarcare la dualità: Yin, femminile, lunare, intuitivo ecc. e Yang, maschile, solare, estroverso ecc.

Lo Yin Yoga, nel quale sono certificata, é stato rielaborato dal Maestro Grilley alla luce delle relazioni tra Yoga, Anatomia e Taoismo.

Nello Yin Yoga di Grilley si tiene molto in considerazione la struttura scheletrica personale in quanto questa consente una mobilità completamente differente tra soggetto e soggetto. Grilley ci invita a farci la domanda se nella tenuta di una postura sentiamo tensione o compressione. La tensione è accettabile in quando la muscolatura prende una forma in tempi più o meno lunghi ed è quindi funzionale alla tenuta di una posizione; invece la compressione è quel punto in cui un osso ha raggiunto il suo massimo movimento ed è quindi il punto di arrivo per non farsi male.

Questo ci fa capire che non tutti possono ottenere uno stesso risultato dal mantenimento di una postura e che il giusto approccio alla pratica è quello di rimanere nell’immobilità della posa rispettando il proprio limite ma che questa immobilità è solo apparente in quando mantenere la posa da 3 a 5 minuti innesca un profondo lavoro che arriva nelle fasce più interne del corpo, agli organi ed al tessuto connettivo, vero e proprio trasmettitore di informazioni ed energia. A livello superficiale proveremo un senso di maggiore elasticità e tonificazione nelle giunture. A livello mentale ci sarà un rilassamento profondo dovuto alla stimolazione endocrina e quindi un senso di abbandono e pace.

Importantissimo é il lavoro sul piano energetico; lo Yin Yoga lavora sul principio dell’energia vitale, la pratica stimola i Meridiani energetici descritti dalla medicina tradizionale cinese (Tao) e Le Nadi della fisiologia sottile indiana, 72000 canali secondo la tradizione classica dell’India.

Pratica adatta a tutti, ottima per gli sportivi che non curano lo stretching, eccellente per chi ha uno stile di vita sedentaria, rigenerante per chi ha la mente sempre sotto pressione.

Insomma, provare !!!

You may also like